The Disciplined Agile Manifesto (Italian)

Il Disciplined Agile Manifesto è un’estensione del Manifesto Agile originale scritto nel 2001, e riflette la filosofia presente dietro questo framework.

I nostri Valori

Individui e interazioni più che i processi e gli strumenti
Soluzioni consumabili più che la documentazione esaustiva
Collaborazione con gli stakeholder più che negoziazione dei contratti
Rispondere al cambiamento più che seguire un piano

Questo è quanto. Nonostante l’indiscusso valore degli elementi a destra (non in grassetto), i “disciplined agilist” danno un peso predominante a quelli di sinistra (in grassetto).

I Principi annessi al Disciplined Agile Manifesto

  1. La nostra massima priorità è soddisfare gli stakeholder rilasciando soluzioni di valore, fin da subito e in maniera continua.
  2. Accogliamo i cambiamenti nei requisiti, anche a stadi avanzati dello sviluppo. I processi agili sfruttano il cambiamento a favore del vantaggio competitivo del cliente.
  3. Consegniamo frequentemente soluzioni consumabili, con cadenza variabile da un paio di settimane a un paio di mesi, preferendo i periodi brevi.
  4. Stakeholder e sviluppatori devono lavorare insieme quotidianamente per tutta la durata del progetto.
  5. Fondiamo i team su individui motivati. Diamo loro l’ambiente e il supporto di cui hanno bisogno e confidiamo nella loro capacità di portare il lavoro a termine.
  6. Una conversazione faccia a faccia è il modo più efficiente e più efficace per comunicare con il team ed all’interno del team.
  7. Le soluzioni consumabili sono il principale metro di misura di progresso.
  8. I processi agili promuovono un approccio al rilascio sostenibile. Gli sponsor, gli sviluppatori e gli utenti dovrebbero essere in grado di mantenere indefinitamente un ritmo costante.
  9. La continua attenzione all’eccellenza tecnica e alla buona progettazione esaltano l’agilità.
  10. La semplicità – l’arte di massimizzare la quantità di lavoro non svolto – è essenziale.
  11. Le architetture, i requisiti e la progettazione migliori emergono da team che si auto-organizzano.
  12. A intervalli regolari il team riflette su come diventare più efficace, dopodiché regola e adatta il proprio comportamento di conseguenza.
  13. Sfruttare e contribuire a far evolvere le risorse organizzative disponibili all’interno del proprio ecosistema aziendale, e collaborare con le persone responsabili di ciò.
  14. Avere sempre chiaro il flusso di lavoro in modo da riuscire a sviluppare un flusso costante di rilasci che aiuta a ridurre le attività in corso al minimo.
  15. L’ecosistema organizzativo deve evolvere per riflettere e migliorare le attività dei team agili, ma al contempo essere sufficientemente flessibile da supportare gli eventuali team non-agili o ibridi.

Thanks to Felice Pescatore for this translation.

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *